Blog

Assegno di mantenimento al figlio maggiorenne

L’assegno è dovuto fino al raggiungimento dell’indipendenza economica.

L’obbligo di mantenere, istruire ed educare i figli tenuto conto delle loro inclinazioni ed aspirazioni è previsto dagli artt.  147 E 148 del codice civile. Tale obbligo discende direttamente dall’art. 30 Della costituzione che prevede “e` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti“.I genitori pertanto sono obbligati al mantenimento dei figli sino al raggiungimento dell’indipendenza economica degli stessi, ovvero sino a quando  potranno provvedere autonomamente alle loro esigenze di vita.

Cosa è compreso nell’assegno di mantenimento del figlio?
L’assegno di mantenimento al figlio maggiorenne ha un contenuto ampio e sono ricomprese le spese ordinarie della vita quotidiana, quali vitto e abbigliamento sia quelle relative all’istruzione e persino quelle per gli hobby e le vacanze.
Il versamento dell’assegno direttamente al maggiorenne. Come fare?
La questione di versare l’assegno di mantenimento al figlio ormai maggiorenne si è posta perché il genitore onerato del pagamento (in genere il padre)  ritenere che una volta raggiunta la maggiore età del figlio questo ha diritto a ricevere direttamente l’assegno di mantenimento invece di versarlo alla madre, o perché da prassi vi è scarsa fiducia su come viene spesa la somma dell’assegno da parte dell’altro genitore.

In caso di separazione o divorzio, l’art. 337-Septies del codice civile prevede che il giudice può disporre in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente il pagamento di un assegno periodico, da versare direttamente all’avente diritto.

Tuttavia, il versamento diretto è possibile solo se è lo stesso figlio a chiederlo.
Tale circostanza è infatti possibile  solo se c’è una richiesta del figlio maggiorenne rivolta al giudice.
Ed invero, con l’abrogazione dell’art. 155 Quinquies del codice civile è stata esclusa  la possibilità che il genitore obbligato al mantenimento versi automaticamente al figlio maggiorenne l’assegno di mantenimento. Pertanto attualmente solo il figlio maggiorenne può chiedere al giudice di ordinare il versamento diretto del proprio mantenimento. Se hai bisogno di un avvocato roma e di consulenza legale roma, puoi rivolgerti al nostro studio legale roma, che ti seguirà con elevata professionalità.

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

STUDIO LEGALE BUGGEA & MELENDEZ

NON hai trovato la risposta alle tue domande?

Non esitare a contattare lo Studio Legale Buggea & Melendez se hai bisogno di Consulenza Legale a Roma. Gli Avvocati Alberto Buggea e Iacopo Melendez, sapranno seguire la tua problematica con attenzione, fornendoti tutto il supporto necessario al fine di risolvere al meglio ogni situazione.